• Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module

DISGRAFIA

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:36

Inviato il: 18/1/2007, 19:31
da anemonelux

Salve! è da un po' di mesi che non ho più scritto, dopo che a settembre avevo comunicato al forum tutte le mie paure da insegnante alle prime armi, trasferita come docente in una classe terza che si presentava davvero carica di problematiche. passati alcuni mesi, posso dire che i problemi sono davvero tanti: difficoltà di comunicare da parte di alcuni bambini stranieri in italiano, un sostegno arrivato a metà ottobre per sole 12 ore, alunni che non studiano e non svolgono i compiti assegnati,... insomma, il lavoro è piuttosto faticoso, ma nonostante tutto sono contenta della scelta fatta, anche perchè io mi sto affezionando ai bambini e spero che l'impegno che sto mettendo ogni giorno porti i suoi frutti.
oggi scrivo perchè ho una questione che da un po' di tempo non mi lascia tranquilla.
premetto che io sono insegnante prevalente sulla classe e insegno l'ambito antropologico e linguistico ( cosa che non ho mai fatto).
in questi mesi, ho notato come ci siano alcuni bambini che commettono un gran numero di errori di ortografia: dimenticano gli accenti finali, non scrivono alcune lettere nelle parole, inseriscono la "i" in diagrammi che non la vogliono. ho iniziato a documentarmi sulla disortografia e sulla dislessia: a me non parrebbe dislessia, ma forse mi trovo davanti a dei casi di disortografia. purtroppo, per la scarsa esperienza, io non so affatto come distinguere un caso di disortografia da errori dettati semplicemente dalla disattenzione e le mie colleghe sono di vecchio stampo, per cui l'errore è sempre errore di disattenzione. non posso neppure allarmare i genitori per un problema che forse non c'è, perchè si tratta di persone molto ansiose che forse con il loro comportamento peggiorerebbero la situazione dei figli. insomma, ho proprio bisogno ancora una volta del vostro aiuto: come faccio a riconoscere un caso di dislessia o disortografia? che cosa devo fare in seguito? ho paura di sbagliare e di non fare tutto il necessario! forse è ansia da insegnante alle prime armi! aiuto!

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:36

Inviato il: 18/1/2007, 22:20
da nenene

Prova a far eseguire loro la correzione in questi modi:
- rileggere il giorno dopo e non subito
- correggere il lavoro del compagno e viceversa
- tu sottolinei la parola errata e loro scoprono in cosa consiste l'errore
- usare la videoscrittura, se puoi andare in aula multimediale o simile.

Ci sono alcuni libri della casa editrice Fatatrac che sono divertenti e utili per tutti, uno è molto carino da far leggere ai bambini (aiuta i dislessici e simili) e si intitola "Pela la mela".

Le mie non sono assolutamente" soluzioni", ma solo sistemi attuati che, a volte, mi hanno aiutata.

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:37

Inviato il: 6/2/2009, 16:24
da Vittoria81

Care colleghe, ho un problema che mi preoccupa parecchio. Io insegno in una prima elementare e ad oggi ho già insegnato una buona parte di lettere. Uno dei miei alunni ha difficoltà nello scrivere i grafemi...nella maggior parte dei casi sono illeggibili in particolar modo in corsivo. Questo bambino appare sempre svogliato, non assume una postura corretta nel momento della scrittura, non separa correttamente le parole, lascia spesso pagine vuote nel quaderno, la pressione della matita sul foglio è eccessiva tant'è vero che a volte non si riesce a cancellare bene, a volte inverte le lettere (es. invece di scrivere IL scrive LI...). Oltretutto questo bambino non parla quasi mai....solo coi compagni nei momenti di gioco ma, se noi insegnanti gli chiediamo qualcosa, spesso fa "scena muta". Per me questo è il primo anno di insegnamento alla scuola primaria e vorrei quindi sapere da voi se può trattarsi di un caso di disgrafia, se è bene che ci muoviamo da subito o se è bene aspettare essendo in prima. Non so....aiutatemi voi per piacere....anche perchè non ho un grande aiuto da parte della mia collega e mi sento un po' sola . Grazie

  • Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module
Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:37

Inviato il: 6/2/2009, 17:07
da mirocat

cara Vittoria, per quella che è la mia esperienza aspettare è sempre controproducente. Hai osservato se il bambino tiene la matita in modo corretto? già da quello che dici della postura sembra di no... l'unico modo sarebbe di iniziare al più presto esercizi per il recupero della manualità fine che migliorino anche la postura. In che modo, ti chiederai, ora te lo spiego. Premetto che sono esercizi che portano via una certa quantità di tempo ma che sono utili anche agli altri.
1) scrittura in verticale: appendere un foglio da pacchi e far scrivere i bambini con colori a dita, eseguendo le classiche onde e piccoli cerchi. In questo modo sblocchi il polso e la postura. questa attività, che per i bambini risulta piuttosto giocosa, ti posso garantire che li aiuta enormemente a essere meno "fissi" con la mano. se la mamma è disponibile, questo tipo di esercizi lo può far fare anche lei a casa

2) sbloccata la mano è utilissimo il libro della Erickson "Il corsivo dalla A alla Z" (è in due volumi al bambino serve l'eserciziario)
Le schede le puoi preparare anche tu con la carta centimetrata (quadretto da un centimetro) seguendo questo schema:
-onde, (lettera U) singole e unite da eseguire dall'alto in basso e da sx a dx senza staccare la matita. è necessario essere inflessibili e precisi su questo punto.
- e, l (corsive) singole e a catena (tutte legate tipo stelle filanti) sempre seguendo la stessa direzione e senza staccare la matita
- "montagne" (u a rovescio) singole e unite sempre con il procedimento già descritto
- cerchi e chiocciole seguendo il verso antiorario (importante!!)
- lettera s corsiva singola e unita e cambio di verso della curva tipo "S" coricata

gli esercizi devono essere eseguiti tutti i giorni con costanza, impegno e attenzione. Per esperienza ho ottenuto risultati notevoli

3) sei sicura che non sia dislessico? ci starebbe con la svogliatezza...
ad ogni modo se dopo gli esercizi di recupero il bambino non recupera è meglio convicere i genitori a portarlo da uno psico-pedagogista esperto in problemi dell'apprendimento onde evitale che le neuropsichiatrie, che non ne hanno uno a disposizione, ti dichiarano non dislessico un bambino che palesemente lo è...
un bambino con difficoltà motorie o dislessia si affatica molto, non ottiene i risultati desiderati con conseguente abbandono della motivazione e della voglia di fare

4) consulta il forum, mi sembra ci sia già un post simile con altri consigli

scusa se non posto schede ma non ho ancora capito come si fa, chiedi pure se qualcosa non ti è chiaro e non mi sono spiegata bene

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:42

Inviato il: 7/2/2009, 13:44
da maestraLulù

ciao Vittoria, ho letto attentamente tutto ciò che hai scritto ed ho notato che i "disturbi" che descrivi sono comuni a molti bambini di prima elementare.
Io sono per aspettare almeno fino al prossimo anno ed aspettare magari piccoli miglioramenti o peggioramenti.
Che tu sappia, questo bimbo ha frequentato costantemente la scuola dell'infanzia?

Potrebbe anche essere un primo approccio con i quaderni e la postura nel banco durante i compiti?

Facci sapere

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:43

Inviato il: 7/2/2009, 14:32
da mirocat

maestralulù, mi dispiace e spero che tu non te la prenda, ma non sono del tutto d'accordo con te. Da cosa è motivata il tuo suggerimento di attendere?
Non discuto la tua esperienza, nè le tue conoscenze in materia, anche perchè nemmeno io sono espertissima. Il lavoro che ho consigliato a Vittoria andrebbe già iniziato alla scuola dell'infanzia perchè è propedeutico alla scrittura del corsivo, non è la scrittura vera e propria. Hai fatto bene quindi a consigliarle di informarsi sull'esperienza del bambino alla scuola dell'infanzia. Magari sarebbe utile parlare con le insegnanti.
Ho sperimentato questo percorso sia all'infanzia che alla primaria con ottimi risultati. Il rischio nell'aspettare è che si sclerotizzino posture e meccanismi errati, come l'impostazione nella scrittura delle lettere che, una volta fissati sono difficilmente correggibili. Queste indicazioni mi sono venute da corsi e da esperti psicopedagogisti con cui ho collaborato e che si rifanno alle indicazioni e agli studi dell'università di Padova. A volte aspettare serve, ma un po' di esercizio non ha mai fatto male a nessuno. La scrittura non dipende solo dallo sviluppo di connessioni neuronali, ma anche proprio dall'esercizio. Se manca manualità fine non comparirà magicamente dopo un po' di tempo.
Se invece ti riferisci al discorso di parlarne ai genitori, allora sì, meglio non creare ansie anzitempo, se nel giro di qualche mese non si nota alcun miglioramento allora è il caso di esaminare la questione più approfonditamente. Poi, come ho detto, gli atteggiamenti di svogliatezza e scarso impegno può essere determinato dal fatto di non riuscire.
Scusa se me la prendo tanto a cuore, ma troppo spesso ho visto bambini che avrebbero potuto ottenere risultati migliori se solo avessero fatto gli esercizi giusti al momento giusto!

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:43

Inviato il: 7/2/2009, 15:11
da zuneta

ho un bambino di classe seconda che nonostante sia attentissimo e abbia tanta voglia di lavorare continua a sbagliarmi le C con le G, le D con le P e le F con le V e questo anche quando io gli detto la parola faccia a faccia e lentamente.... cosa proponete?

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:43

Inviato il: 7/2/2009, 16:08
da mirocat

una mia collega ha avuto lo stesso problema qualche anno fa in una prima. Ha utilizzato delle figure con la parola per ogni suono problematico. Mi spiego: per la C, ad esempio, ha fornito al bambino una figura con un cane e con la parole "Cane" scritta sotto. Tutte le figure necessarie sono state appiccicate sul banco in modo che il bambino le avesse sempre a portata di mano. Il processo è stato un po' lungo ma in seconda non ne ha più avuto bisogno. Il bambino si può esercitare sotto dettatura anche a casa, con lo stesso sistema.

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:44

Inviato il: 8/2/2009, 12:00
da Diana60

per problemi con il corsivo avete provato il materiale che propone questo sito? ciao http://www.bancadelleemozioni.it/lettere/lavori03.html

Avatar utente
MaestraSabry
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4931
Iscritto il: 28/03/2009, 15:46
Has thanked: 319 times
Been thanked: 84 times

Re: DISGRAFIA

Messaggioda MaestraSabry » 15/04/2009, 18:45

Inviato il: 19/2/2009, 07:22
da Silvia67

Buongiorno a tutte, sono un po' mattiniera...
Anch'io in prima mi sono scervellata per cercare di trovare un metodo che permettesse ai bambini con probabili DSA, di apprendere senza traumi e senza le conseguenze del caso (svogliatezza, apatia, calo dell'autostima, iperattività, ecc) : purtroppo la diagnosi spesso non può essere fatta prima di fine seconda, quando siamo ai limiti delle potenzialità di recupero.
Oltre ai vari esercizi di pregrafismo (che sono continuati anche in seconda) ho provato questo alfabetiere , ma senza molto successo, forse andrebbe presentato all'inizio.
http://www.alfabetiere.it/introduzione.html
è importantissimo nei primi tempi imporre il giusto verso della scrittura delle lettere, sia in corsivo che in stampato.
http://www.lannaronca.it/schede%20class ... htm#Schede di grafia
(a proposito: GRAZIE ANNA)
Ancora oggi (terza) per qualcuno coloro il rigo in cui devono scrivere.
Per sforzare un bambino a scrivere grande e comprensibile, gli faccio usare le righe di quinta: per esempio le lettere "basse" devono occupare un rigo, la F tre righi.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Brava il 03/09/2013, 20:47, modificato 2 volte in totale.
Motivazione: link corretto


Torna a “Disturbi e patologie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

  • Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module