• Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module

Casa, città, paesi

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 16/07/2013, 13:13

Benedizione della casa

Che la mia casa possa essere bella;
bella da cima a fondo;
dove mi stendo, bella;
dove mi siedo, bella;
sopra di me, bella;
bella ai miei piedi
e tutt'intorno a me.
Che il Fanciullo dell' Alba
la Dea della Montagna
e il Dio Che Parla
siano miei ospiti.
Questa polpa di grano è per loro.

Canto Navajo

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 16/07/2013, 13:19

La cucina

C'era, un po' in ombra, il focolaio; aveva
arnesi, intorno, di rame. Su quello
si chinava la madre col soffietto,
e uscivano faville.

C'era, nel mezzo una tavola dove
versava antica donna le provviste.
Il mattarello vi allungava a tondo
la pasta molle.

C'era, mal visto nel luogo, un fanciullo.
Le sue speranze assieme alle faville
del focolare si alzavano. Alcuna
- Guarda! - è rimasta.

U. Saba
Ultima modifica di lorys il 16/07/2013, 13:26, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 16/07/2013, 13:21

La mia casa

È una stamberga stonacata e nera,
dal tetto rosso e piccole finestre,
dove fiorisce intorno le ginestre
sembrandoci un'eterna primavera.

Sorride lieta la gàrrula cicala,
sopra il cipresso canta l'usignolo,
batte l'accetta e canta il boscaiolo
e s'arrampica ognor sopra la scala.

Dove la sera trovo la diletta
madre, al focolare, mesta, assisa,
che sonnecchia, che pensa e che m'aspetta
la poca cena misera e divisa.

Ma quanti affetti alla stamberga nera,
alla casetta vecchia e stonacata
che mi ricorda dell'età passata,
il primo sogno e l'ultima preghiera.

Che mi ricorda quando ancor fanciullo
sul focolar, seduto dopo cena,
mi tingevo le mani alla catena
e questo era per me quasi un trastullo.

Dove studiavo, nelle lunghe sere,
la noiosa dottrina del piovano:
oh, quante volte avrò pregato invano!
Dove saranno queste mie preghiere?

Allor sentivo raccontar novelle
di streghe e maghi, di regine e fate,
restavo con le braccia spalancate,
prestavo fede a stupide storielle.

Che ingenuo fui! Poco più d'ora,
che streghe e maghi allor tutto credei,
le cose che ora vedo agli occhi miei
sono abisso infernal che mi divora.

Ah! Bei giorni davver lieti e giocondi
che ancor conserva la casetta nera,
e ancor ti vedo maestosa e altera
e ancora più di prima mi confondi.

Giuseppe Geri

  • Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module
Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 22/07/2013, 7:33

LA CASA

La casa, questo luogo benedetto,
ha le mura, le porte
e le finestre e un tetto;
un camino, un acquaio,
la cantina, il solaio,
e intorno, qualche volta, un giardinetto.
Dentro, per ogni stanza,
ci vedi un po' di tutto:
letto, tavolo, armadio, cassettone,
sedie, pentole, scope... e, chi lo può,
ci mette le specchiere e le poltrone.
E poi c'è il fuoco, c'è la lampadina
appesa a un filo; il gatto che sonnecchia
e quel tic-tac del tempo che cammina
e il gocciolar dell'acqua nella secchia.
La casa, ricca o povera che sia,
è questa che v'ho detto:
se c'è la pace, è un nido benedetto...

Renzo Pezzani

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 23/07/2013, 21:32

Paesello

Paesello
tra smeraldi di monti:
una penna nera dietro un muro sereno,
un ruscello
con la voce di due passeri: in vista,
un diroccato castel d'edera
che nel cielo s'inabissa,
una chiesina
dalla faccia centenaria
tutta rughe (chissà se piange o ride)
dal gruppo delle case nere si divide,
con quella campanina
che invita: sta qui, sta qui,
sta qui
l'amore, la felicità,
la pace.
Svanisce tutto come un fiocco d'aria
quando tace.

Corrado Govoni

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 23/07/2013, 21:33

Paesi

Esplodon le simpatiche campane
d'un bianco campanile, sopra tetti
grigi: donne, con rossi fazzoletti,
cavano da un rotondo forno il pane.
Ammazzano un maiale nella neve,
tra un gruppo di bambini affascinati
dal sangue, che, con gli occhi spalancati,
aspettan la crudele agonia breve.
Gettano i galli vittoriosi squilli.
I buoi escono dai fienili neri;
si spargono su l'argine tranquilli,
scendono a bere, gravi, acqua d'argento.
Nei campi, rosei, bianchi, i cimiteri
sperano in mezzo al verde del frumento.

Corrado Govoni

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 23/07/2013, 21:34

Quanto è bella la mia città

Passeggio per le vie
della mia città,
osservando
tutto
con tanta curiosità,
come se fosse
la prima volta che la vedessi...
più la guardo più mi piace
e penso...
ma quanto è bella la mia città!

Dal colle di San Michele
ammiro con stupore
ogni splendore,
la sella del diavolo,
il mare,
il monte Urpinu,
il porto con le navi,
chiese
e monumenti,
estasiata
ed emozionata
esclamo a voce alta...
ma quanto è bella la mia città!

R. R. Piras

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 23/07/2013, 21:36

Paesetto di riviera

La sera amorosa
ha raccolto le logge
per farle salpare
le case tranquille
sognanti la rosa
vaghezza dei poggi
discendono al mare
in isole, in ville
accanto alle chiese.

Alfonso Gatto

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 31/07/2013, 17:16

Una casetta con l'orto intorno

Beato chi, come te, ha una casetta
con l'orto attorno!
Tu t'alzi la mattina al primo sole
quando deterge il cielo
l'estiva aurora,
e la morta città non sa né pensa
la bellezza del verde e dell'azzurro
rinnovellati dall'estivo gelo.
Poi rivolgi lo sguardo al pero e al melo,
di tua mano cresciuti,
e indugi all'ombra del folto pergolato
che sotto ha tante ben costrutte e bianche
lastre di pietre a sghembo,
e il tavolo di marmo con le panche
e, vicino, un rosaio, il fico, i fiori,
le ortensie belle come campagnole,
i rampicanti voluttuosi e strani
con pendule corolle,
e sembran coppe
che tutto d’allor seno abbian versato
un nettare dolcissimo per te.
E quando la canicola d'agosto
brucia l'asfalto
e rombano i motori nelle vie,
te il fresco silenzio del tuo verde
nella pace del vespero conforta
e, come a un saggio antico,
unici e soli
compagni accanto a te bastano i libri.
Beato chi, come te, ha una casetta
con l'orto attorno!
Beato chi, come te, conosce il fresco
sapor dei frutti di sua mano colti
al primo sole!

Tommaso Della Torre

Avatar utente
lorys
Utente esperto
Utente esperto
Messaggi: 3650
Iscritto il: 13/10/2010, 20:30
Has thanked: 56 times
Been thanked: 333 times

Re: Casa, città, paesi

Messaggioda lorys » 27/08/2013, 20:30

Dalla casa buia

Tardi, con le stelle
spalancate nel freddo
aprii la porta.
Il mare
galoppava
nella notte.
Come una mano
dalla casa buia
uscì il profumo
intenso
della legna
tenuta in serbo.

Pablo Neruda, Poesie


Torna a “Poesie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

  • Google Adsense
  • Sir Xiradorn Banner Ext Module