MaestraSabry

Vai ai contenuti

Menu principale:

Test famiglia

Altro materiale > Disegno infantile


Questo test permette di cogliere alcuni aspetti importanti per la crescita di un bambino. Disegnando la propria famiglia emergono sentimenti e situazioni non sempre esplicite o percepite dall’adulto (timori, paura di crescere, ma anche gioia, amore per la vita, ecc.).

È interessante osservare alcuni aspetti mentre il bambino disegna:

  • la collocazione dei personaggi sul foglio;

  • il primo e l’ultimo personaggio disegnato,

  • la vicinanza tra i personaggi;

  • le cancellature;

  • l’omissione o l’aggiunta di qualche membro;

  • l’espressione del volto;

  • le posizioni delle braccia, delle mani e delle gambe (cfr. Bibliografia).


POSSIBILE INTERPRETAZIONE

  • Personaggio al primo posto: generalmente rappresenta colui verso il quale il bambino prova più ammirazione e cerca di prendere come modello.

  • Se stesso al primo posto: manifesta un egocentrismo non del tutto superato ed un legame ancora molto forte con la famiglia dalla quale chiede attenzioni e affetto.

  • Se stesso all’ultimo posto: Il bambino ha, probabilmente, scarsa fiducia nelle proprie capacità a causa di un carattere riservato. Ha bisogno di essere lodato e rassicurato.

  • Esclusione di membri familiari: può indicare una sorta di rifiuto di quella persona, magari causato da un senso di gelosia o timore che questo individuo (ad esempio un fratello o una sorella) possa privarlo dell’affetto dei genitori.

  • Aggiunta di personaggi: manifesta un senso di solitudine momentanea che sta vivendo il bambino. Rappresenta un po’ quella persona immaginaria che dovrebbe “compensare”  l’affetto mancante. Potrebbe anche indicare una difficoltà  a comunicare con i coetanei.

  • Dimensione ridotta di un personaggio: Il bambino sminuisce quella persona, forse sentendola come un potenziale rivale.

  • Collocazione in disparte di un personaggio: indica il mancato inserimento di questo membro nella famiglia o la difficoltà del bambino a costruire un rapporto forte con lui.

  • Cancellazione di un personaggio: emerge un senso di insofferenza del bambino verso se stesso o verso un membro della famiglia (non necessariamente quello cancellato). L’insofferenza è però repressa per paura di essere giudicato.

  • Un personaggio di più grandi dimensioni: è la persona percepita dal bambino come dominante verso la quale mostra ammirazione oppure inibizione.

  • Omissione di braccia e/o gambe: rappresenta la “punizione” che il bambino infligge a colui che percepisce come minaccioso.

  • Aggiunta di animali: l’animale è portatore di un’aggressività nascosta del bambino verso un membro della famiglia.

  • Esclusione di sé: esprime a volte, la scarsa fiducia del bambino nelle proprie capacità o la sua sensazione di sentirsi escluso.

  • Se stesso di un sesso diverso: di solito, in età puberale, è indice di una non completa accettazione del proprio corpo o ruolo sessuale.

  • Rifiuto di disegnare la famiglia: manifesta la scarsa partecipazione del bambino alla vita familiare o uno scarso dialogo tra i membri.  

  • Disegnare una famiglia di animali: il bambino maschera il disegno per evitare di affrontare un disagio o una sofferenza inibita dovuta, per esempio, ad una separazione di genitori.

  • Il cappello sulla testa di un personaggio: il bambino rappresenta la forte autorità di quella persona e la sua difficoltà ad osservare regole forse troppo rigide.

  • Braccia intorno al collo: Più che una manifestazione di affetto, alcuni psicologi lo vedono come un vincolo esercitato da un adulto verso la libertà  di un bambino.

  • Famiglia disegnata in una cornice: il bambino risente di un’educazione troppo rigida, in una famiglia dove tutto è basato su ordine e dovere. La cornice rappresenta il controllo del bambino di questo ordine.

  • Membri familiari in luoghi e occupazioni diversi: emerge un’estraneità del bambino a vivere la propria famiglia e una scarsa comunicazione.

  • Bottoni sull’abito di alcuni membri: esprimono un legame affettivo molto forte del bambino con quel familiare. Solo dopo i 13 anni potrebbe, invece, rappresentare un ostacolo alla sua autonomia.

  • Rifiuto di colorare la famiglia: manifesta una certa freddezza del bambino dovuta probabilmente ad un’educazione troppo rigida o, al contrario, troppo “libera”, poco attenta, quindi, ai suoi bisogni.


Esempi
 
 
Creative Commons License
Torna ai contenuti | Torna al menu